Gli italiani sbagliano dieta: tanti obesi, soprattutto al sud

obeso.jpg

Qualche tempo fa si è celebrato l’obesity day, la giornata di sensibilizzazione nazionale su sovrappeso e salute. I dati statistici affermano che nove italiani su dieci sbagliano dieta. E quelli che la sbagliano hanno un’alta probabilità di riprendere i chili perduti. Con gli interessi.
«È provato che il dimagrimento legato a schemi errati equivale al recupero del peso iniziale con un aumento del 20%», afferma Giuseppe Faitati, presidente della Fondazione Adi, associazione italiana dietologi, coordinatore del progetto Obesity Day.
Molti sono gli errori che si commettono in questo ambito.
In particolare si riscontra un consumo eccessivo di proteine senza un adeguato apporto di carboidrati, la classica dissociazione degli alimenti che prevede l’eliminazione a rotazione di uno dei macronutrienti.

complicanze obesità

Il risultato immediato è una perdita rapidissima di parecchi chili in un mese, ma a che prezzo? Il rischio di un fallimento e la delusione  quindi l’abbandono della dieta in pochissimo tempo.
Il risultato peggiore che si ricava da questi regimi è la ripresa dei chili persi con gli interessi.
I promotori di Obesity Day raccomandano: «È sostanzialmente inutile se non controproducente mettere all’indice una determinata categoria di prodotti. Non esistono alimenti buoni o cattivi ma solamente diete equilibrate o squilibrate. Non bisogna credere che singoli ingredienti o bevande possano essere nemici della linea. I concetti da tenere a mente sono moderazione, equilibrio, attività fisica attraverso cui è possibile coniugare il piacere della tavola con le esigenze della salute».

Ma perché una rapida perdita di peso determinata da una dieta erronea è destinata a non avere effetti duraturi? È legato alla perdita di massa magra, del muscolo: «Perdere massa magra – spiega Faitati – significa veder diminuire il bisogno energetico. A quel punto dovremmo introdurre una quantità minore di calorie. Se però non ci controlliamo il rischio è di avere pessime sorprese sulla bilancia».

mappa obesità

Come mostra l’immagine i dati su sovrappeso e obesità sono allarmanti. Alla base di questo vi è una scarsa attività fisica, un eccessivo apporto di calorie e una scarsa educazione alimentari sui principi di una sana alimentazione.
Purtroppo però l’obesità ha le sue complicanze. sarebbe opportuno iniziare autonomamente a conoscere i concetti base di una sana alimentazione.

Commerciale
Biologa nutrizionista

Post Correlati

Leave a comment

Devi essere loggato per commentare.