L’illiceità di una paga inferiore a 5 euro all’ora: risponde l’Avvocato Bausardo

Una sentenza della Corte di Appello di Milano ha confermato la decisione del Tribunale in merito ad all’illiceità della retribuzione lorda ricevuta da un lavoratore: infatti è stato stabilito che una paga inferiore a 5 euro all’ora non rispetti il principio stabilito dall’articolo 36 della Costituzione, volto a garantire un’esistenza libera e dignitosa, anche se fissato in un contratto collettivo firmato dai grandi sindacati.
Abbiamo commentato la decisione con l’avvocato Roberto Bausardo, legale dell’associazione professionale Bausardo e Associati di Torino.

Corte di Milano 5 euro all'ora
Corte di Milano, Fonte foto: Giustizia.it
Avvocato, cos’è successo in questa vicenda dei 5 euro all’ora?

La paga oraria di un lavoratore è stata considerata troppo bassa anche se stabilita all’interno di un contratto firmato da una grande associazione sindacale. Questo perché i giudici hanno reputato che contrastasse con l’articolo 36 della Costituzione.
Solitamente i contratti collettivi nazionali, firmati dai grandi sindacati, sono il punto di riferimento per stabilire a quanto debba ammontare la paga oraria: in questo caso, pur guardando ad un accordo di questo tipo, è stata comunque considerata troppo bassa.

Lei ha detto che vi sono dei contratti collettivi pirata, che cosa si intende con questo termine?

Si fa riferimento ai contratti collettivi stipulati da sindacati minori e meno conosciuti.
Se questi sindacati propongono alle aziende delle retribuzioni orarie minori, ovviamente i datori di lavori saranno più invogliati ad accettare. Questo è il modo in cui queste associazioni, assolutamente legali, si fanno conoscere e acquistano potere.

bausardo 5 euro all'oraVi è un criterio per stabilire quale sia la paga oraria minima?

No, proprio questo è il problema.
Viene deciso sulla base dell’incontro tra i sindacati e i datori di lavoro e si applica il criterio fissato dal loro accordo.
In altri Paesi si sta applicando una paga minima, sotto il quale non si può scendere.

Quale sarebbe, secondo lei, il metodo più equo per stabilire la paga oraria?

Secondo me bisogna conformarsi ad una paga minima salariale oraria.

Ad oggi, i sindacati tutelano effettivamente i lavoratori?

Assolutamente sì, ma ci sono sindacati e sindacati.

Valeria Rombolà

Post Correlati

Leave a comment

Devi essere loggato per commentare.