Più di un giornale

Unità+anni+SessantaIn politica ci sono delle dinamiche che sfuggono ai politologi.

Anche ai più attenti.

Ci sono sentimenti profondi che sono troppo complicati da cogliere nei sondaggi e nelle analisi fredde e lucide.

.

Un elemento umano fatto di ricordi, passioni ed esperienze vissute che prevaricano la razionalità ed entrano nella dimensione quasi irrazionale del sentimento disinteressato.

Quasi mi azzardo a definirlo amore.

Ne ho avuta la prova lampante un giorno, con mio zio. Un passato da militante nel PCI, sindacalista e diffusore instancabile de l’Unità.

 .

Quando l’Unità ha cambiato formato, ed ha dismesso i panni del piccolo giornale stile “free press” per tornare quelli più abituali di quotidiano nazionale, in Fondazione decidemmo di ricominciare a comprarlo.

Anzi, di abbonarci.

.

Il giorno seguente mio zio arrivò in biblioteca e, come tutti gli altri giorni, prese i quotidiani a cui siamo abbonati per leggerli con disciplina gramsciana, dalla prima all’ultima pagina.

Lo chiamai per dirgli: “Zio, c’è anche l’Unità, è tornata al formato grosso, abbiamo deciso di abbonarci”.

.

Sul suo viso è apparso, istintivamente, un sorriso enorme di felicità pura. Un sorriso che mi raccontava di mattinate spese a Porta Palazzo a fare il diffusore del giornale fondato da Antonio Gramsci; di pomeriggi in sezione a leggere e commentare i lunghissimi e complicatissimi editoriali di Amendola, Togliatti e Pajetta; di scioperi fatti con l’Unità sotto il braccio, come un distintivo.

.

Insomma, quel sorriso trasmetteva una passione che non si spegnerà mai, nonostante tutto.

Una passione che mi commosse. Ma i compagni di una volta non possono lasciar trasparire le proprie emozioni personali, o almeno quasi mai.

Per questo ci siamo guardati negli occhi, con i lucciconi, e la sua unica parola è stata: “Bene!”.

Domenico Cerabona
@DomeCerabona

Unità+nascita+Domenico

Post Correlati

Leave a comment

Devi essere loggato per commentare.