Perché si dice… “fare cisti”?

Palazzo-nuovo.jpg

Fare cisti”. O, semplicemente, “cisti”.

L’avrete sentita, e magari utilizzata, anche voi: questa espressione è (ancora) presente nel gergo giovanile di varie parti d’Italia. Tra le altre, in Emilia Romagna e nelle aree metropolitane di Torino e di Milano.

Con significato leggermente differente: se in area emiliano-romagnola è utilizzata nel senso di “fare (qualcosa) di nascosto”, tra i giovani dei due maggiori centri urbani del nord-ovest è utilizzata per invitare a “fare attenzione”.

Nata in ambito hippy-alternativoide (parliamo ancora di Torino e Milano, tralasciando la realtà emiliana – che conosciamo meno), l’espressione “fare cisti” ha poi conquistato altri gruppi e altre culture giovanili, riscuotendo particolare successo nei contesti truzzo-discotecari.

L’etimologia dell’espressione è oscura.

È da escludere senz’altro un fantasioso legame, suggerito da qualcuno, con il personaggio boccaccesco di Cisti fornaio – protagonista della seconda novella della sesta giornata del Decameron ed eroe della schiettezza e dell’onestà, non certo della circospezione sospettosa.

Altri fanno risalire questo modo di dire all’ambito medico, con riferimento alla natura sottocutanea (e quindi nascosta) della cisti.

Probabilmente, l’origine di “fare cisti” è condivisa con quella di un’altra espressione gergale giovanilistica, ossia “incistarsi”. Questo verbo è a sua volta, nella sua accezione non gergale, di ambito medico, e – secondo il De Mauro – significa

essere avvolto da una formazione di tipo cistico (di corpo estraneo o ascesso).

Usato in senso gergale, in varie parti d’Italia significa “infatuarsi di qualcuno” o “appassionarsi a qualcosa”.

Questo termine è attestato anche in letteratura. Dino Buzzati scrive infatti in “Un amore”:

Era come un piccolo paese incistato fra lo schieramento delle case.

 

Andrea Donna

@AndreaDonna

Post Correlati

Leave a comment

Devi essere loggato per commentare.