Panama Papers: cosa è successo e perché non per forza è una tragedia (o un crimine)

12495085_10208225587090922_4138773332901757684_n.jpg

Quando hai un quarto di dollaro lo metti nel salvadanaio.
Il salvadanaio è sulla mensola dell’armadio. Tua mamma lo sa e ogni tanto lo controlla, in modo da sapere se continui a mettere monete oppure se hai ne hai spese alcune.

Un giorno potresti decidere “non voglio che mamma controlli i miei soldi”. Quindi vai a casa di Johnny con un nuovo salvadanaio da tenere in camera sua. Ci scrivi il tuo nome e lo metti nel suo armadio.
La mamma di Johnny è sempre molto occupata, e non ha tempo di controllare il salvadanaio.
Così puoi tenere lì il tuo e rimarrà un segreto.

Poi tutti i bambini del vicinato pensano che questa è una buona idea, e ognuno va a casa di Johnny con un salvadanaio extra. I salvadanai dei bambini di tutto il quartiere riempiono l’armadio di Johnny.
Un giorno la mamma di Johnny torna a casa e vede tutti quei salvadanai. Si arrabbia molto e chiama i genitori di tutti i bambini per informarli.

Non tutti i bambini lo hanno fatto per motivi sbagliati.
Il fratello maggiore di Eric ruba sempre dal salvadanaio, e per questo Eric cercava un nascondiglio migliore.
Timmy voleva risparmiare per comprare un regalo a sua mamma.
Sammy lo ha fatto perché la cosa lo divertiva.
Ma molti bambini lo hanno fatto per qualcosa di disonesto. Jacob rubava i soldi del pranzo agli altri bambini e non voleva che i genitori lo scoprissero. Michael rubava dalla borsa di sua mamma. I genitori di Fat Bobby lo hanno messo a dieta e lui voleva comprare dolcetti senza essere scoperto.

Nella realtà molte persone importanti stavano semplicemente nascondendo i loro salvadanai a casa di Johnny, a Panama. Oggi le loro mamme lo hanno scoperto.
Ben presto sapremo di più sulle ragioni di queste importanti persone, sapremo chi lo faceva per buone ragioni e chi con fini disonesti.
Ma sono tutti nei guai, perché è contro le regole avere dei segreti – poco importa quali. 

Edoardo Frezet (traduzione da Reddit)

Segui Tagli su Facebook Twitter

Post Correlati

Leave a comment

Devi essere loggato per commentare.