Il maschio Indie ha rinunciato alle pulsioni sexuali

Nel 2018 è inutile e faticoso portare avanti una rancorosa guerra contro la musica indie che è assolutamente la più amata dal popolo italiano.
Ma io lo farò lo stesso, perché mi piacciono le guerre a sfavore e non sono così convinta di essere l’unica a pensarla così.
Mettiamo da parte la musica, oggi non voglio analizzare le loro rime A-B-A-B.
L’oggetto della mia ira è il maschio indie, e il suo modo di maneggiare le questioni sexuali.
Cos’è? Cos’è questa creazione infernale, da dove esce? Da quando gli uomini a cui piace scopare si sono uniti al dodo nel Paradiso degli Estinti?

maschio indie pulsioni sexualiQuando avevo 16 anni, ero pudica e uno sguardo faceva esplodere il rossore sulle mie paffute guanciotte, gli uomini volevano scopare.
Quando il sesso per me era ancora un territorio inesplorato, misterioso come uno stretto sentiero di montagna che non sai dove ti porterà, quando il sesso era fantasia al 100%, quando era rappresentato dai primi tentativi di automasturbazione e baci con la lingua sulla piega del gomito, gli uomini volevano scopare.
Le ho in mente tutte le volte che ho rifiutato del sesso perché mi vergognavo troppo di non avere esperienza in materia. Perché a quel tempo, agli uomini, piaceva scopare.

Mi rendo conto che la fine del testosterone è vicina quando navigo su YouTube: TheGiornalisti, Calcutta, Coez, solo per citarne alcuni.
Maschi che muoiono dietro alla solita figa acqua e sapone, che si fanno spezzare il cuore da una bocca a cuoricino che trangugia quintali di snacks. Sublimano i loro desideri sexuali in lunghe passeggiate, assoli alla finestra nemmeno dovessero espiare le colpe di Giuda. Sono più interessati all’immagine che danno di loro stessi, che alle conseguenze dell’averla, un’immagine.

Che fine ha fatto il corteggiamento? Che fine ha fatto quello che ci provava, bene o male – troppo o poco, ma che almeno ci provava?
Che significato devo, da donna, attribuire a questa ondata di individui vanitosi che guardano le ragazze pisciare nei video musicali?
Devo iniziare a pensare che forse eravate meglio a 18 anni, carichi di tutta la vostra inesperienza e goffaggine?

Stando alle views di YouTube, quella che emerge è la fotografia drammatica di un esercito di maschi under 35 che non hanno interesse nel sesso, che non ne vogliono sapere di fare il famoso primo passo. Anche se lo sanno persino le pietre che alle donne piace da morire essere corteggiate.
No, al posto degli sguardi da batticuore, dei sorrisi strappati che rimangono nella memoria di una donna per sempre, troviamo occhiate schive, litanie melense e stucchevoli e remissività.

Vi faccio un appello: abbracciate il cambiamento, riscoprite il piacere dell’essere uomo e vedrete che vi porterà in un lampo al concetto di riproduzione e attività sexuali.
Unitevi in questo movimento che guarda con ammirazione al passato e trovate un’alternativa all’insipido brodo di pollo che siete diventati. Non offendetevi, non voglio che scateniate tutta la vostra permalosità e frustrazione contro di me.
Lo dico, lo scrivo per voi, ma soprattutto per i milioni di donne là fuori che cercano un maschio propriamente detto. Capace di interpretare le vecchie, normalissime pulsioni sexuali.

Veronica Martiny

Post Correlati

Leave a comment

Devi essere loggato per commentare.