Lo stupro – per non dimenticare Franca Rame

È morta a Milano Franca Rame, attrice e scrittrice teatrale, a 84 anni. Nata in una famiglia di burattinai e marionettisti, è stata la compagna di vita e di palcoscenico di Dario Fo, con cui si era sposata nel 1954. Sessantottina, femminista e per molti anni protagonista della vita culturale italiana, Franca Rame nel 1973 fu rapita da alcuni esponenti dell’estrema destra e subì violenza fisica e sessuale. Il processo che ne seguì impiegò 25 anni per arrivare alla sentenza di condanna; nel frattempo il reato era caduto in prescrizione.

La ricordiamo con un suo monologo del 1981, purtroppo ancora molto attuale.

franca rame

Lo stupro

Al centro del palcoscenico una sedia sulla quale l’attrice si siede. Per recitare questo brano è indispensabile che l’attrice indossi i pantaloni.

C’è una radio che suona… Ma solo dopo un po’ la sento… Solo dopo un po’ mi rendo conto che c’è qualcuno che canta.

Sì, è una radio… una musica leggera: cielo, stelle, cuore, amore… amore…

Ho un ginocchio, uno solo, piantato nella schiena… come se chi mi sta dietro tenesse l’altro appoggiato per terra… con le mani tiene le mie, fortemente, girandomele all’incontrario. La sinistra in particolare.

Non so perché, mi ritrovo a pensare che forse è mancino.

Non sto capendo niente di quello che mi sta capitando. Ho lo sgomento addosso di chi sta per perdere il cervello, la voce… la parola.

Prendo coscienza delle cose, con incredibile lentezza.

Dio, che confusione!

Come sono salita su questo camioncino? Ho alzato le gambe io, una dopo l’altra dietro la loro spinta o mi hanno caricata loro, sollevandomi di peso?

Non lo so.

È il cuore, che mi sbatte così forte contro le costole, a impedirmi di ragionare… è il male alla mano sinistra, che sta diventando davvero insopportabile.

Perché me la torcono tanto? Io non tento nessun movimento.

Sono come congelata.

Ora, quello che mi sta dietro non tiene più il suo ginocchio contro la mia schiena… si è seduto comodo…. Mi tiene tra le sue gambe divaricate… fortemente… come si faceva anni fa, quando si toglievano le tonsille ai bambini. È l’unica immagine che mi venga in mente.

Perché mi stringono tanto? Io non mi muovo, non urlo, sono senza voce.

La radio canta, neanche tanto forte.

Perché la musica? Perché l’abbassano? Forse è perché non grido.

Oltre a quello che mi tiene da dietro, ce ne sono altri tre.

Li guardo: non c’è molta luce… né gran spazio… forse è per questo che mi tengono semidistesa.

Li sento calmi. Sicurissimi. Che fanno? Si stanno accendendo una sigaretta.

Fumano? Adesso? Perché mi tengono così e fumano?

Sta per succedere qualche cosa, lo sento… Respiro a fondo… due, tre volte. Non mi snebbio… Ho solo para.

Ora uno mi si avvicina, un altro si accuccia alla mia destra, l’altro a sinistra. Vedo il rosso delle sigarette.

Stanno aspirando profondamente.

Sono vicinissimi.

Sì, sta per succedere qualche cosa… lo sento.

Quello che mi tiene da dietro, tende tutti i muscoli… li sento intorno al mio corpo. Non ha aumentato la stretta, ha solo teso i muscoli, come ad essere pronto a tenermi più ferma.

Il primo che si è mosso, mi si mette tra le gambe… in ginocchio… divaricandomele.

È un movimento preciso, che pare concordato con quello che mi tiene da dietro, perché subito i suoi piedi si mettono sopra i miei a bloccarmi.

Io ho su i pantaloni. Perché mi aprono le gambe con su i pantaloni?

Mi sento peggio che se fossi nuda!

Da questa sensazione mi distrae un qualche cosa che subito non individuo… un calore, prima tenue e poi sempre più forte, fino a diventare insopportabile, sul seno sinistro.

Una punta di bruciore.

Le sigarette…

Le sigarette… sopra al golf fino ad arrivare alla pelle.

Ecco perché si erano messi a fumare!

Mi scopro a pensare cosa dovrebbe fare una persona in queste condizioni. Io non riesco a fare niente, né a parlare, né a piangere… Mi sento come proiettata fuori, affacciata ad una finestra, costretta a guardare qualche cosa di orribile.

Quello accucciato alla mia destra accende le sigarette, fa due tiri e poi le passa a quello che mi sta tra le gambe.

Si consumano presto.

Il puzzo della lana bruciata deve disturbare i quattro: con una lamette mi tagliano il golf, davanti, per il lungo… mi tagliano anche il reggiseno… mi tagliano anche la pelle in superficie: nella perizia medica misureranno ventun centimetri.

Quello che mi sta tra le gambe mi prende i seni a piene mani, le sento gelide sopra le bruciature…

Ora… mi aprono la cerniera dei pantaloni e tutti si danno da fare per spogliarmi: una scarpa sola, una gamba sola.

Quello che mi tiene da dietro si sta eccitando, sento che si struscia contro la mia schiena.

Ora… uno… mi entra dentro.

Mi viene da vomitare.

Devo stare calma, calma.

Mi concentro sulle parole delle canzoni… il cuore mi si sta spaccando, non voglio uscire dalla confusione che ho.

«Muoviti puttana, fammi godere!»

Non capisco nessuna parola…  non conoco nessuna lingua. Altra sigaretta.

«Muoviti puttana, fammi godere!»

Sono di pietra.

Ora… è il turno del secondo… i suoi colpi sono ancora più decisi. Sento un gran male.

«Muoviti puttana, fammi godere!»

La lametta che è servita per tagliarmi il golf mi passa più volte sulla faccia. Non sento se mi taglia o no.

«Muoviti puttana, fammi godere!»

Il sangue mi cola dalle guance alle orecchie.

È il turno del terzo. È orribile sentirti godere dentro delle bestie schifose.

«Sto morendo, – riesco a dire. – Sono ammalata di cuore!»

Ci credono, non ci credono, si litigano.

«Facciamola scendere. No… sì…» Vola un ceffone tra di loro…

Mi schiacciano una sigaretta sul collo… qui… tanto da spegnerla.

Ecco, lì, credo di essere finalmente svenuta.

Sento che si muovono. Quello che mi teneva da dietro mi riveste con movimenti precisi. Mi riveste lui, io servo a poco. Si lamenta come un bambino perché è l’unico che non abbia fatto l’amore… pardon… l’unico che non si sia aperto i pantaloni… ma sento la sua fretta, la sua paura. Non sa come metterla col golf tagliato, mi infila i due lembi nei pantaloni e il camioncino si ferma per il tempo di farmi scendere… e se ne va.

Tengo con la mano la giacca chiusa sui seni scoperti. È quasi buio. Dove sono? Al parco.

Mi sento male… nel senso che mi sento proprio svenire… non solo per il dolore fisico in tutto il corpo, ma per lo schifo… per l’umiliazione… per la rabbia… per le mille sputate che ho ricevuto nel cervello… per lo sperma che mi sento uscire.

Appoggio la testa a un albero… mi fanno male anche i capelli… sì, me li tiravano per tenermi ferma la testa.

Mi passo una mano sulla faccia… è sporca di sangue.

Alzo il collo della giacca e vado. Cammino… non so per quanto tempo.

Senza accorgermi, mi trovo davanti alla questura.

Appoggiata al muro del palazzo di fronte, sto a guardare l’ingresso non so per quanto tempo… la gente che entra… esce… i poliziotti…

Penso a quello che dovrei affrontare se entrassi ora… Sento le loro domande… vedo le loro facce… i loro mezzi sorrisi…

Penso e ci ripenso…

Poi mi decido…

Torno a casa… torno a casa…

Li denuncerò domani.

Da “Sesso? Grazie, tanto per gradire!” di Dario Fo e Franca Rame, RCS, Milano, 2006, pp. 76-79.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=zzh7FmmNDAM]

Serena Avezza

@twitTagli

Post Correlati

Leave a comment

Devi essere loggato per commentare.