Le teorie del complotto più stupide del mondo

hitler20in20antartide.jpg

«Solo due cose sono infinite, l’universo e la stupidità umana, e non sono sicuro della prima»
Albert Einstein

Di teorie del complotto assurde, illogiche, folli, paradossali e ridicole il mondo è pieno. Ma sottovalutiamo sempre la capacità umana di superare qualsiasi limite, e dunque (come ci ricorda l’epigrafe) anche quello della stupidità.
Qui di seguito trovate un elenco, chiaramente incompleto, delle teorie del complotto più stupide mai immaginate:  

  • Hitler non è morto, anzi se la passa piuttosto bene. Un sottomarino tedesco lo portò in salvo in una base segreta della Germania in Antartide.
    Le forze armate americane, dopo essere state respinte una prima volta dagli Ufo nazisti, riuscirono a distruggere la base solo facendo esplodere tre bombe nucleari. Ma Hitler ha la scorza dura ed è sopravvissuto grazie all’aiuto dei discendenti di Atlantide o di certi alieni (non c’è accordo sulla questione), che vivono nell’interno della Terra.
    Ora, alla veneranda età di 125 anni, può finalmente coltivare la sua passione per la pittura, ritraendo ameni paesaggi polari. Qualcun altro, però, sostiene che gli alieni l’abbiano condotto in una lontana costellazione, sulla stella di Aldebaran, a 68 anni luce dal nostro pianeta, e che si prepari a tornare con un’armata intergalattica. Ma non abbiate paura: i supereroi della Marvel ci difenderanno egregiamente.
  • fake moon landingL’uomo non è mai stato sulla Luna. Questa stravagante favoletta vi sarà già nota. Però forse non sapete che gli americani comprarono il silenzio dei sovietici fornendo loro una gigantesca partita sottocosto di grano.
    Non sentite anche voi questo buon aroma di pane appena sfornato?
    Anzi no, l’uomo è andato sulla Luna, ma il vero sbarco non fu mai trasmesso, perché gli astronauti trovarono tracce di vita extraterrestre. Ci fu anche una missione segreta, l’Apollo 20, per recuperare un’astronave e il cadavere di un umanoide.
  • John Kennedy è stato ucciso dall’autista. Il celebre complottista Milton William Cooper ha esaminato scrupolosamente ogni singolo fotogramma del filmato Zapruder e ha visto l’autista William Greer girarsi e sparare a JFK. A tutt’oggi è l’unico ad averlo visto.
    Ah, comunque John Kennedy fu ucciso perché gli si impedisse di rivelare la verità sugli Ufo. La fonte è sempre l’inesauribile Cooper.
  • George Bush padre e figlio, Bill e Hillary Clinton, la famiglia reale inglese, Tony Blair e molti altri potenti del pianeta sono lucertole aliene mutaforma (ne abbiamo parlato qui). Ma non generalizziamo: per l’autore David Icke ci sono varie razze di lucertole, anche se qualcuna è più cattiva delle altre.

  • Fu Stephen King a sparare a John Lennon. Glielo ordinarono Nixon e Reagan. Steve Lightfoot ne è sicuro e sostiene che King l’abbia anche ammesso, fra le righe, nei suoi romanzi. Se avete sempre sospettato che il grande maestro dell’horror fosse un tipo un po’ strano, ora avete tutte le ragioni per pensarlo.
  • Il codice a barre su ogni prodotto in commercio nasconde il numero del diavolo, il 666. I fondamentalisti cristiani americani danno sempre il meglio quando si tratta di rileggere la Bibbia in chiave postmoderna. 

  • L’affondamento del Titanic fu provocato dai gesuiti. Volevano far fuori alcuni ricconi che stavano loro sulle scatole e che stavano tentando di ostacolare la creazione della Federal Reserve negli Stati Uniti. Quale modo più comodo se non quello di eliminarli mentre viaggiavano sulla più grande nave che avesse mai solcato i mari? Strano che non abbiate notato l’impressionante somiglianza fra l’iceberg e Ignazio di Loyola.
  • Musica: Beyoncè, Lady Gaga, Katy Perry, i Muse, Jay-Z e diversi altri cantanti diffondono con la loro musica messaggi subliminali di matrice satanica e massonica (ne abbiamo parlato qui).

jack the ripper

  • Lewis Carroll, l’autore di Alice nel paese delle meraviglie, era Jack lo Squartatore. Richard Wallace si è messo di buona lena a fare anagrammi di interi passaggi dei testi dello scrittore e ha fatto la sensazionale scoperta.
    È anche convinto che Carroll fosse ossessionato dal numero 42: una della vittime di Jack lo Squartatore aveva 45 anni, tre anni più di 42; un’altra aveva 39 anni, cioè 42-3. È tutto così evidente, non trovate?
  • Il vero motivo della seconda guerra del Golfo è stato quello di sottrarre a Saddam Hussein il controllo di uno Stargate, un portale interdimensionale per entrare in contatto con civiltà aliene.
    Il dittatore iracheno era in procinto di allearsi con gli abitanti del pianeta Nibiru e consentire loro la conquista della Terra.
    Quindi, se fate parte di quei pacifisti ipercritici che condannavano l’aggressione di Bush sventolando bandiere arcobaleno, questa è la vostra occasione per fare ammenda: se non fosse stato per lui, ora sareste a spaccare pietre nel deserto iracheno sotto la supervisione di tanti piccoli omini grigi.
  • Tuttavia, se desiderate comunque un motivo per non sopportare Bush, potete far vostra la teoria secondo cui suo padre, George H. W., sia in realtà un nazista.
    Il suo vero nome sarebbe George Scherff Jr. e sarebbe stato inviato negli Stati Uniti per conto di Hitler e adottato da Prescott Bush. Lo scopo della sua missione era sovvertire il governo americano. Suo padre, George Scherff Sr., era l’assistente di Nikola Tesla, il famoso scienziato, cui rubò tutti i segreti scientifici. Sublime. 
  • E, infine, la mia preferita. Secondo il tedesco Heribert Illig, tre secoli del Medioevo (dal 614 al 911) non sono mai esistiti. Durante i calcoli per l’introduzione del calendario gregoriano, gli astronomi del papa dovettero correggere le discrepanze prodotte dal calendario giuliano.
    Mancavano all’appello tredici giorni, ma un ritardo del genere si può accumulare solo nel caso in cui fossero stati soppressi tre secoli di storia. E quali sono i più facili da falsificare? Quelli dell’Alto Medioevo, ovvio. D’altronde non ci sono prove archeologiche solide di quel periodo e poi, diciamocelo, il personaggio di Carlo Magno è davvero troppo inverosimile.
    Gli ideatori del complotto sono l’imperatore Ottone III di Sassonia e papa Silvestro II. Ma perché avrebbero dovuto concepire un imbroglio di tali proporzioni? Beh, ma scusate, volete mettere l’ebbrezza di potersi vantare con gli amici di aver regnato nell’anno 1000?
    Illig ha sempre la risposta pronta. Oggi, quindi, staremmo vivendo nel XVIII secolo. Buon Illuminismo a tutti.

Jacopo Di Miceli
@twitTagli

Post Correlati

Leave a comment

Devi essere loggato per commentare.